Caricamento in corso...

Resoconti dal Consiglio

07/12/2022

Nella seduta del Consiglio si è tracciato un bilancio dell’evento dedicato ai 50 anni dell’Ordine regionale, che ha avuto ampia partecipazione e consenso. Dopo quella inaugurata in Piazza Dante a Trento lo scorso 11 novembre, il Consiglio ha approvato l’istituzione di un’altra panchina bianca per la libertà di informazione che sarà posta a Bolzano in Piazza del Grano il prossimo 16 dicembre. 

Sempre nelle comunicazioni, la presidente Elisabeth Anna Mair ha dato conto di quanto emerso nelle sedute del Consiglio nazionale.

Il tesoriere Hannes Senfter ha poi illustrato il bilancio di previsione per il 2023. Le entrate maggiori provengono dalle quote di iscrizione (circa 200mila euro) che vengono in parte trasferite all’Ordine nazionale. A fronte della diminuzione del numero degli iscritti, la gestione è però riuscita a conservare le risorse a disposizione in caso di emergenze, senza intaccarle. Questo pur avendo sostenuto spese aggiuntive - come l’organizzazione delle iniziative per il cinquantesimo – che sono state gestite in modo accorto, beneficiando in alcuni casi anche di fondi dall’Ordine nazionale. Il bilancio di previsione si attesta su 253.110 euro.

È stato riferito in Consiglio dell’imminente invio delle diffide per gli iscritti e le iscritte non in possesso della pec: requisito ormai fondamentale per mantenere il pieno diritto di iscrizione all’Ordine.

Il Consiglio ha esaminato e approvato la proposta dell’Ordine nazionale di revisione dei siti web degli ordini regionali, accogliendo il preventivo per la realizzazione del nuovo sito del Trentino Alto Adige in doppia lingua. 

Infine il Consiglio si è infine occupato, come di consueto, di proposte formative, esoneri e richieste di crediti individuali.

11/04/2022

Seduta dell'Ordine dei Giornalisti allargata alla partecipazione del Consigliere Nazionale, Fabrizio Franchi, che ha illustrato le recenti novità nazionali a partire sulla presunzione d’innocenza e dal decreto legislativo 188  che mette in crisi soprattutto i colleghi di nera e giudiziaria con notizie, anche molto importanti che sono state fornite, con grande ritardo.

Il 3 maggio prossimo sarà a Trento il Presidente Nazionale Carlo Bartoli per incontrare il Consiglio dell’Ordine regionale.

Si è poi evidenziato che sono ancora troppi pochi, anche in regione, i colleghi che si sono iscritti alla nuova piattaforma per la formazione. Piattaforma che sarà implementata, a breve, con nuovi interessanti corsi. Cosa tutt’altro che secondaria visto che non sono previste deroghe rispetto ai 60 crediti di formazione previsti per il triennio 2022-2022, che si concluderà il 31 dicembre 2022.


Sono state in seguito avanzate nuove proposte formative di cui troverete traccia sul sito dell’Ordine regionale ed è stato poi discusso e approvato il piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza 2022-2024.

Si ricorda, poi, a tutti gli iscritti che fino al 25 maggio è possibile compilare il questionario, anonimo, sulla situazione della professione in regione.

Al termine della seduta c’è stato un incontro col Sindacato giornalisti per un confronto e per verificare la possibilità di un impegno comune rispetto al mezzo secolo di vita dei due organismi giornalistici, impegno auspicato dall'Ordine e da molti dei rappresentanti del Sindacato.

17/03/2022

Nella seduta del 15 marzo il Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti ha approvato in via preliminare il conto consuntivo 2021 che sarà sottoposto ai giornalisti e alle giornaliste in occasione della prossima Assemblea. La gestione economico finanziaria risulta in equilibrio e la situazione dei conti permette di affrontare con serenità le sfide e i compiti che l’Ordine dovrà continuare a svolgere nel prossimo futuro.

La discussione si è poi concentrata sull’organizzazione dell’Assemblea del prossimo 25 marzo, che si terrà, ancora per questa occasione, in collegamento video con iscritti e iscritte, nel rispetto delle misure di sicurezza per il contenimento della pandemia. In occasione dell’Assemblea verrà presentato un questionario – redatto in italiano e tedesco – per raccogliere dati e opinioni sulla condizione professionale e il futuro del giornalismo in regione. I risultati saranno poi illustrati nel corso dell’evento dedicato ai 50 anni dell’Ordine, che sarà organizzato in autunno.

Durante la seduta si è dato conto anche della revisione attuata sul sito web dell’Ordine. In attesa del rinnovamento generale annunciato dall’Ordine nazionale su tutti i siti, sono state infatti apportate alcune modifiche sul portale del Trentino Alto Adige per renderlo da subito più accessibile e per migliorare la navigazione. È stata inoltre aperta una sezione informativa specifica per ospitare una sintesi delle principali decisioni assunte nelle sedute dell’Ordine.

Come di consueto sono state esaminate poi alcune proposte di formazione professionale continua. 

22/02/2022

Nella seduta del 15 febbraio il Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti ha approvato in via definitiva il questionario che verrà proposto ai giornalisti e alle giornaliste in occasione della prossima Assemblea di marzo. L’indagine, redatta in doppia lingua italiana e tedesca, sarà curata dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università di Trento e riguarderà la condizione professionale e il futuro del giornalismo in regione. 

I risultati saranno poi illustrati nel corso dell’evento dedicato ai 50 anni dell’Ordine, che sarà organizzato in autunno.

Proprio all’evento per la ricorrenza dei 50 anni il Consiglio ha dedicato un momento di approfondimento e di confronto con i/le rappresentanti locali nell’Ordine nazionale, nel sindacato e in Assostampa. Si è convenuto di promuovere un momento di celebrazione unitario per sottolineare insieme il traguardo raggiunto. I dettagli saranno messi a punto nei prossimi mesi.

Nella seduta, il Consiglio ha affrontato anche la questione dei colleghi e delle colleghe che ancora non hanno saldato la quota per il 2021. Ha poi esaminato e approvato alcune proposte di formazione professionale continua e ha dato via libera a modifiche del sito web dell’ODG Trentino Alto Adige-Südtirol per renderlo più chiaro e adatto alla consultazione in attesa di un rinnovamento generale che è stato annunciato per i prossimi mesi, a cura dell’Ordine nazionale. 

14/02/2022

Nella seduta del 31 gennaio il Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti si è occupato di trasparenza e prevenzione della corruzione, con la relazione della responsabile - la consigliera Isabella Cherubini - sullo stato dell’arte e sulle azioni da intraprendere per il pieno rispetto degli adempimenti previsti dalla normativa nazionale.

Il Consiglio ha poi lavorato alla stesura di un questionario sulla condizione dei giornalisti e sulla professione giornalistica, progetto già avviato nella precedente consiliatura e che sarà proposto in occasione della prossima Assemblea.

La seduta è proseguita con l’esame di alcune proposte di formazione continua. 

Per quanto riguarda la tenuta dell’Albo il Consiglio ha deliberato un’iscrizione all’elenco speciale e quattro cancellazioni, una dall’elenco speciale e tre dall’elenco pubblicisti, di cui una per decesso.

Il Consiglio ha infine accolto una richiesta di riconoscimento di eventi formativi individuali.

28/01/2022

Nella seduta dell’11 gennaio il Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti ha esaminato il regolamento interno sul funzionamento dell’Ente (a questo proposito si ricorda a tutti gli iscritti che gli uffici sono aperti al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00 su appuntamento).
Il Consiglio ha poi deciso di aderire alla manifestazione promossa dal Sindacato giornalisti per il 15 gennaio nell’anniversario di chiusura del quotidiano “Il Trentino”.  Approvata anche la bozza del Premio Giornalistico del CORECOM per contrastare l’odio in rete.
E’ stato poi adottato il regolamento per la concessione dei patrocini nei confronti di manifestazioni e iniziative senza finalità di lucro. Il Consiglio ha poi cominciato a programmare gli eventi legati alle celebrazioni dei 50 anni dell’Ordine Regionale. Sono state infine deliberate due iscrizioni all’elenco pubblicisti e la cancellazione, causa decesso, di due professionisti e di un pubblicista. Il Consiglio ha poi accolto due richieste di esenzione dalla formazione professionale per l’anno 2022.